Enneagramma, … altro che nove tipi!

L’Enneagramma (dal greco “ennea”, nove, e “gramma”, disegno) si sostiene sia un simbolo antichissimo. Pare che risalga al tempo dei “Sufi”, progenitori dell’odierna religione islamica, ma vi sono prove che fu tramandato da culture ancora più antiche dell’Asia. Anche se sono molti coloro che affermano che l’ennegramma sia rimasto sconosciuto per secoli, almeno in occidente, lo stesso uomo vitruviano di Leonardo lo smentisce.


L’enneagramma è un simbolo esoterico, e come tale si può comprendere solo alla luce della filosofia iniziatica o della conoscenza esoterica. Cosa significa questo? Significa semplicemente che l’enneagramma nasce per insegnare all’uomo la relazione che c’è tra sé stesso e l’universo, il creato ed il creatore, significa che l’utilità di questo simbolo la comprende e gli è di aiuto soltanto a colui che sta cercando una risposta in sé stesso di ciò che realmente è, come essere umano e come vita pulsante. Per quanto per secoli questo simbolo rimane pressoché sconosciuto nel 1916 compare nell’insegnamento di Georges Ivanovic Gurdjieff.


Noi occidentali ne disconosciamo l’esistenza e l’utilità (fatta eccezione per certe aziende sulla gestione delle risorse umane, che lo usano in modalità e scopi personalmente riprovevoli, o di certe scuole di quarta via “unici” depositaria della sua conoscenza), in gran parte dell’Asia è un simbolo conosciuto. Questo simbolo viene usato come speciale strumento per comprendere il meccanismo di ogni sistema relativamente chiuso, come il sistema solare e le leggi che lo governano, il funzionamento dell’organismo umano, degli organismi vegetali, ecc.


Geometricamente è composto da un cerchio suddiviso in nove parti uguali (da qui il nome) e la sua costruzione è molto particolare: una volta suddiviso il cerchio, occorre numerare i punti in senso orario da 1 a 9 e inscrivere un triangolo equilatero avente come base i punti 3 e 6. L’unione degli altri punti deriva da un calcolo molto semplice: se si divide il numero 1 per il numero 7 si ottiene il numero 0,142857142857…, numero periodico di periodo 1 4 2 8 5 7 ripetuto all’infinito. I punti restanti da collegare sono proprio questi sei numeri in questa successione. Questo simbolo è anche chiamato “legge del Nove” ed è considerato la fusione della “legge del Sette” (nota col nome di Heptaparaparshinokh) con la “legge del Tre” (Triamazikamno sacro); la sovrapposizione è evidente. 


Il tre crea ed il sette organizza, è questa la natura dell’universo che questo splendido simbolo cerca di trasmetterci. La prima legge del Heptaparaparshinokh serve a studiare ogni processo in cui un fenomeno integrale (come il raggio bianco della Luce o del Suono) è composto sempre di sette parti indipendenti (i sette colori in cui si suddivide la luce, le sette note intere in cui si suddivide il suono); la seconda del Triamazikamno sacro, come già più volte detto qui, indica come ogni fenomeno, dal più piccolo (atomo) fino al più macroscopico (stelle, Soli, ecc.), sia sempre generato e tenuto in vita da tre forze o parti dette “Positiva” o di affermazione, “Negativa” o di resistenza, e “Neutralizzante” o di conciliazione. L’enneagramma rappresenta ogni processo che si mantiene da solo per auto-rinnovamento: per esempio la Vita. I.N.R.I. Ignis natura renuvatur integra, la natura si rinnova per mezzo del Fuoco, chi è il fuoco?

Per questo Gurdjieff lo definì “il moto perpetuo ed anche la pietra filosofale degli alchimisti”. Egli disse anche: «La conoscenza dell’enneagramma è stata preservata per molto tempo in segreto e se adesso, per così dire, è resa disponibile a tutti, è solo in una forma incompleta e teorica della quale nessuno può fare alcun uso pratico senza istruzioni da parte di chi sa». Successivamente sono stati diversi coloro che hanno tentato di utilizzare questo simbolo come tecnica psicologica creando una corrispondenza tra i nove numeri e nove “tipi” immaginari in cui il soggetto è chiamato ad identificarsi. Nulla a che vedere col suo autentico ed originale scopo esoterico. 

Invece che insegnare a liberasi della personalità, della falsa personalità, per trascendere e uscire dalla dipendenza dei sistemi del mondo, l’enneagramma viene oggi diffusamente utilizzato, in modo del tutto arbitrario, per insegnare effettivamente ad adattarsi ad essi ed anzi utilizzare aspetti peculiari del proprio carattere per trarre un vantaggio dalle relazioni col gli altri o per conseguire successo, abilità, profitto e chissà cos’altro. La portata di questo meraviglioso simbolo è invece evidente se si osserva lo schema di lato proposto (the 3 stellations). 

Oltre al dato di fatto che non vi sono prove scientifiche che questo metodo fornisca risultati apprezzabili, non vi è nemmeno alcun genere di documentazione riguardo all’uso dell’Enneagramma (da parte dello stesso Gurdjieff ) come classificatore di personalità. Il primo a generare il pasticcio è indubbiamente il discepolo di Gudjieff, il signor Ouspensky. Non è mio interesse sollevare la vexata quaestio del tormentato rapporto tra Gurdjieff e Ouspensky, i cui nomi vengono spesso accostati come se fossero allo stesso livello, anziché essere collocati, in quanto maestro e allievo, su due piani differenti. E’ importante però sapere che dopo l’allontanamento dal maestro, Ouspensky continuò per conto proprio un lavoro di interpretazione riduttiva (dal mio punto di vista) in senso filosofico del cosiddetto ‘Sistema’, equivocando, come ampiamente esposto nel mio precedente libro “matrix, una parabola moderna” al capitolo “ti apparirà tutto assurdo!!!”, anche molti degli insegnamenti ricevuti, come quando ad esempio confuse ed attribuì i poteri ipnotici e orribili del serpente discendente Kundabuffer alla Divina Madre del Cristo: Madre dei sette centri, che riposa nell’armonia dell’ottava, “Santo Alito, Immacolato Soffio”, che – “purifica le ghiandole interne, dove esiste, il ritmo della mia vita!”.

L’allontanamento fu principalmente determinato proprio dalla sua eccessiva predisposizione a teorizzare tutto quello che gli veniva insegnato. Ad ogni modo ed ad onor del vero gli appunti di Ouspensky costituiscono un documento estrema­mente raro e prezioso. L’allievo descrive l’insegnamento e l’attività del maestro meglio del maestro stesso. Il libro (d’ora in avanti abbreviato in Frammenti) è perciò più adatto come introduzione alle dottrine di Gurdjieff rispetto al Belzebù, che è il primo dei tre libri di Gurdjieff. Secondo quanto teorizzato quindi da Ouspensky sull’Enneagramma, ognuno di noi percepisce la realtà attraverso una lente (a seconda della sua personalità o tipo) che spesso ne altera l’oggettività, e fino qui niente di strano.

Attraverso la scoperta e la conoscenza del proprio tipo e quindi della propria compulsione si può progressivamente ignorarla, con impegno e costanza, e migliorare così il proprio comportamento, la visione di sé stessi e le relazioni interpersonali. Solo molto più tardi Oscar Ichazo[1] e Claudio Naranjo[2] confezionarono una tecnica sperimentale simile basata sugli studi di Ouspensky ed alcune dubbie visualizzazioni. A causa di Naranjo, la conoscenza e lo studio dell’enneagramma ha trovato terreno fertile negli Stati Uniti e in certi casi anche poi in Europa. In poche parole ad un certo punto, a seguito di questa teorizzazione di Ouspensky, sono venute in cascate tutta una serie di reinterpretazioni che dal mio punto di vista hanno svilito il valore e l’utilità del lavoro del maestro Gurdjieff. 

Psicologi, psicoterapeuti, PNL, Neuroscienze, Jung, scuole di Reiki, ed altri si sono buttati a capo fitto su questo simbolo, inventandosi, sempre secondo me ovviamente, di sana pianta tutta una dottrina che non ha più nulla a che vedere con ciò che insegnava monsieur Gurdjieff. L’elemento di inganno o trappola psicologica veramente dannosa di queste nuove dottrine è l’introduzione dell’idea che è possibile migliorare il carattere, che è la Falsa Personalità, sottintendendo di fatto la possibilità di imparare a gestire le relazioni interpersonali nonostante l’ego vivo in noi ed ottenere una qualche utilità dai sistemi del mondo. Per quanto finora l’enneagramma della personalità non è stato riconosciuto come un concetto scientifico, l’introduzione di questo limitato uso rende più difficile la trasmissione della vera conoscenza ai più. 

Se G. insegnava a svegliarsi, studiare la psicologia del carattere non ha nulla a che vedere con questo nobile intento. Su internet è possibile trovare addirittura un test che vi permetterebbe di individuare che tipo di personalità siete e relativi consigli su come sviluppare la tal personalità. Ci sono anche corsi di formazione professionale dove si insegna ad utilizzare l’enneagramma per migliorare la nostra “performance” lavorativa e chissà cos’altro. Non vi dico quale genere di pena mi viene nell’osservare tutto questo. Sonno, sonno, solamente sonno della coscienza….

L’ennegramma non stabilisce nessuna Psicologia del Carattere o tipo, si tratta di un semplificazione che non porta a svegliare e morire, ma anzi a crogiolarsi nell’illusione di poter sviluppare un qualche genere di qualità o facoltà stabilite da uno schema, che mi lascia veramente inorridito sul grado di addormentamento che vuole diffondere. 

Personalmente considero il tutto l’ennesimo tentativo di spillare soldi e mantenere tutto nel naturale stato di demenza, sappiate che esiste persino un International Enneagram Association che vende corsi di ogni tipo. Come è mai possibile?! L’ENNEAGRAMMA è passato da INSEGNAMENTO ESOTERICO alla SPECULAZIONE NEW AGE e certi pseudo conoscitori di quarta via che parlano con proprietà di linguaggio di presenza senza averne conosciuto il “valore.
“La disarmonia del suo funzionamento soggettivo, dovuta alla asimmetria relativa all’insieme del processo del sacro Heptaparaparshinokh, consiste in questo: Se il processo della sacra legge avviene in presenza di numerose “vibrazioni prodotte da cause esterne”, il suo funzionamento produce unicamente risultati esterni. Se lo stesso processo avviene in condizioni di calma assoluta, in totale assenza di “vibrazioni prodotte da cause esterne”, tutti i risultati della sua azione rimangono all’interno della concentrazione in cui avviene il processo, e questi risultati sono percepibili all’esterno solo per contatto diretto e immediato. E se nel corso del processo non prevale nessuna di queste due condizioni diametralmente opposte, i risultati della sua azione di solito si dividono fra esterni ed interni.”

da Racconti cap. “Il santo pianeta purgatorio”

L’enneagramma non solo è la raffigurazione della creazione stessa, ma descrive i processi di risveglio e sonno dell’uomo, i punti di rallentamento (“stopinder”) di cui parla il signor Gurdjieff nel capitolo il “santo pianeta purgatorio” sono occupati dal triangolo, a dimostrazione che se il triangolo c’è, ovvero Mente/Pensiero (3), Anima (6) e Spirito (9), e per esserci deve esserci “Coscienza”, auto-coscienza, allora tutto fluisce tutto scorre ed i risultati della sua azione rimangono all’interno della concentrazione (racchiusa nel cerchio dell’enneagramma). 

Il triangolo è “Dio”, l’immanifestato, e l’uomo animico è il suo riflesso, il triangolo è l’uomo nella sua triade principale, le parti autocoscienti del suo “essere”; “Dio” nel microcosmo uomo è l’essenza. L’enneagramma pertanto così come si configura significa che se l’Essenza, la triade, collabora, è cosciente, è cioè presente ci nutriamo delle impressioni più sottili che sono in risonanza con essa e questo genera l’attivazione dello sviluppo, l’attivarsi cioè di tutte quelle trasformazioni che gli permettono di sviluppare una “Coscienza”; quando interrompiamo le nostre “rappresentazioni” e cioè i vari tipi, personalità o altro, allora iniziamo realmente a vedere e nutrirci di quella frequenza delle impressioni superiore alla visione intellettuale rappresentata da G. con l’idrogeno H48 e che nella citazione prendono il posto di “vibrazioni prodotte da cause esterne”.

Ecco perchè il lavoro inizia e finisce con la “presenza”, cosa non può essere spiegata ma solo trasmessa, proprio come insegna Guenon nel suo libro sull’iniziazione quando parla della “trasmissione”. Il resto sono tutte banalizzazioni che alimentano solo un gran bello stato “mentalista” che G. chiama nei suoi libri psichismo.  

[1] Oscar Ichazo*, nato nel 1931 in Bolivia, scopre a 19 anni il libro di P. D. Ouspensky (diretto conoscente di Gurdjieff), “Frammenti di un insegnamento sconosciuto” e “Tertium Organum” e partecipa a Buenos Aires alle attività di un gruppo apparentemente collegato con Gurdjieff. Qualche anno dopo, secondo le sue dichiarazioni, per intercessione di Metatron, l’Arcangelo Gabriele, visualizza l’Enneagono (questo il nome che preferiva dare all’enneagramma, nonostante sia la definizione di una figura geometrica simile ma ben diversa dall’enneagramma) e dal 1955 comincia a condurre gruppi, fondando in seguito l’Istituto di Gnoseologia di Arica in uno sperduto villaggio cileno sul confine desertico con il Perù. La sua attività non fu mai approvata da Gurdjieff, come egli dichiarò e poi smentì.
[2] Claudio Naranjo*, psichiatra cileno, ha proseguito il percorso tracciato Ichazo.
Annunci

Un pensiero su “Enneagramma, … altro che nove tipi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...