Qui di seguito riporto l’intervista di 1 ora e 13 minuti rilasciata da Mark Pfister della Scuola di Formazione Professionale sulle 5 Leggi Biologiche scoperte dal Dr. Hamer al giornalista Danilo Procaccianti per la trasmissione “Presa Diretta” di Rai3. Di un ora e oltre di intervista sono stati utilizzati, nell’inchiesta andata in onda lunedì 16.1.2017, a malapena 30 secondi. Inchiesta che non fatico a definire una porcheria senza capo ne coda dove si è mescolato di tutto e di più, senza fare chiarezza su nulla se non portare avanti la tesi dei “ciarlatani” e dando dei “ciarlatani” a chiunque per il semplice fatto che faceva riferimento ad Hamer e le sue scoperte.

Un inchiesta che invece di fare luce, come dovrebbe essere un autentico servizio giornalistico, sull’utilità ed il funzionamento delle 5 leggi biologiche, distinguendo chi ha un codice deontologico dal marasma di avventurieri della cosa, è stata la caccia alle streghe alla quali oramai ci stanno abituando i media da tempo. Si sono messe in discussione le applicazioni, invece di fare chiarezza e semmai denunciare il fatto che questo tipo di diagnostica viene continuamente osteggiato e le ragioni semmai di tutto questo. Ma che, niente da fare, un servizio uguale agli altri già visti in passato su questa cosa, un incompetenza ed una mancanza di conoscenza di quello per cui si andava a chiedere conto che lascia senza parole. Come si possa essere così ottusi lo sanno solo loro.

Comunque vi lascio all’intervista. Chiunque potrà verificare da questa intervista nella sua versione integrale l’incompetenza del giornalista che non solo rimane sulle sue posizioni pregiudiziali, ma dimostra di non avere nessuna competenza medica per portare avanti l’intervista in modo serio, professionale e capire cosa il signor Pfister gli stia dicendo.

Poi ci domandiamo come mai l’Italia sia al 77° posto nell’annuale classifica di Reporters sans Frontieres sulla libertà di stampa; se questa è l’obbiettività delle inchieste e il modo di fare inchiesta in questo paese, c’è si di che preoccuparsene o di averne “paura” proprio come dice il giornalista nella stessa intervista a Pfister. 1 ora di intervento si è tradotto in pochissimi secondi di due passaggi presi ad oc per essere utilizzati in modo del tutto strumentale e per portare avanti una tesi fallace per sua stessa origine dato che partiva dal pregiudizio e non dalla voglia di conoscere veramente. Cosa che traspare per tutta l’intervista, ascoltate bene e guardate bene il modo con cui si pone lo pseudo giornalista Danilo Procaccianti, la cafonaggine dell’atteggiamento, la semplificazione quasi infantile delle domande, l’ostinazione sempre a portare l’interlocutore a dire quello che lui aveva già deciso a priori dovesse confermargli. Guardatelo molto bene e capirete.

Mi piacerebbe intervistare Danilo Procaccianti sulla limpidezza delle sue intenzioni quando ha pensato di fare questo servizio, capire se è così veramente limitato dal punto cognitivo come si evince dal servizio o la sua era solo una prosa per interpretare l’ignorante medio. Chissà veramente cosa ci ha capito di tutta questa faccenda? Mi piacerebbe fare proprio come ha fatto lui, chiedergli a che titolo fa il giornalista. Quali sono le sue qualifiche per farlo? Quali attestati?

Come faccio io a fidarmi di lui? Qual’è la sua competenza nelle materie scientifiche che tanto sventola? Quali in medicina? Quali sono i dati sui quali basa le sue domande e le sue affermazioni? In rete non si trova un briciolo del curriculum di questo soggetto, pochi riferimenti, un profilo su fb povero di informazioni e contenuti. Chi è Danilo Procaccianti? Da dove viene fuori? Visto come è facile fare i sensazionalisti, come si fa veloce a gettare discredito su una persona. Perché i giornalisti oggi sono tutti così?! Quali sono i veri motivi di questo degrado della stampa?

Annunci

3 pensieri su “I CIALTRONI DI PRESADIRETTA – Rai 3 | l’intervista integrale

  1. Grande Mark Pfister, a quanto pare il giornalista aveva bisogno di una pezzo di carta per pulirsi il c…o, poi dovrà spiegarmi quanti medici si assumono la responsabilità delle cure chemioerapiche che avvelenano le persone. (Il programma televisivo lo chiamerei “PRESA PER IL CULO DIRETTA”, hahahahaha).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...