L’Arcano N° 16 nel quale viene raffigurata una torre colpita da un fulmine, per questo detto anche la “Torre Fulminata”, è indubbiamente la “bestia nera” di molte scuole sia di pensiero che gnostiche. Dico questo perché in costoro ogni qualvolta venga nominato o compaia questo arcano in un qualsiasi genere di consultazione dei “tarocchi” si viene presi dal panico per il presunto catastrofico verdetto. Dove lo metti, metti non ce ne è uno che non esprima un giudizio negativo su questo arcano, alcuni etichettandolo addirittura “pericoloso” o come un grave avvertimento dell’onnipotente (dominatore), mentre in realtà di pericoloso c’è solo la forma mentale adultera che interpreta tutto questo secondo un canone tutto suo; e se qualcosa è mai stato realmente minacciato da questo arcano, semmai è proprio la logica lineare dello stesso pensiero viziato dalla condizione di sottomissione alla quale siamo stati sottoposti.

Sono proprio le certezze e la presunzione di aver capito, quando non è cosi’, che viene realmente minacciata da questo arcano, sono gli attaccamenti, le aspettative, il bisogno di controllo sugli altri, la menzogna stessa su ciò che ci si crede e pensa di essere. Sono il desideri, il bisogno di possesso, l’immaginazione negativa, il parlare inutile, il bisogno di considerazione, ad essere abbattute da questa forza dirompente e superiore della vita; l’identificazione con la nostra mente e il suo costante blaterare piena delle sue convinzioni e come conseguenza dell’ignoranza non vista. Leve che muovono la vera miseria dei nostri atti quali umani di questo pianeta. Immersi in immaginazione, menzogne, negatività ed identificazioni varie non abbiamo nessuno spazio per risvegliarci e capire realmente cosa sia lo Spirito cosa sia realmente il mondo dello Spirito, quali formule e magia ci può donare; quando siamo sottoposti a questo tipo di ipnosi, viviamo in un costante stato di sonno ad occhi aperti che alimenta solo l’illusione di essere svegli e nutre di fatto il nostro antico parassita.

Peggio ancora fanno, poi, certe scuole di presunti iniziati o gnostiche che interpretano questo arcano come una caduta nell’abisso di perdizione, associandolo in modo del tutto arbitrario, ed a causa di una cattiva interpretazione del segno, come il versare del Vaso Ermetico, ovvero, come una caduta sessuale. Niente di più lontano dalla verità. Come può una torre di contraddizioni essere la Pietra Filosofale dei saggi frutto della sublimazione del mercurio e dello zolfo?! C’è un equivoco di fondo clamoroso in tutto questo. Ciò che depone le armi e crolla è proprio la regola, non la Pietra; anzi quella si innalza proprio nel momento in cui la mente cede in passo a qualcos’altro.

Queste sono alcune tra le frasi più allucinanti che ho trovato in giro in merito a questo arcano: “Non sfidare il destino”, sembra ammonire l’arcano, perché la sorte non sta dalla tua parte. Se il consultante, forte delle proprie certezze, continua a dormire sugli allori e rifiuta di muoversi in una direzione evolutiva, il momento della caduta non è lontano.” – o ancora peggio – “Molti sono gli Iniziati che si lasciano cadere. Molte sono le Torri Fulminate. Ogni Iniziato che versa il Vaso di Hermes cade inevitabilmente. La leggenda degli Angeli Caduti si è ripetuta e continuerà a ripetersi eternamente.” E’ sempre la stessa logica di terrorizzare per portare gli individui all’immobilismo, il cui unico scopo alla fine è continuare a tenerli sotto controllo. Agenti in matrix lo sono tutti e non lo è nessuno, se non sei stato scollegato sei uno di loro.

Incapaci di intendere i messaggi della coscienza, si costruiscono muri e torri ancora più sofisticati e dal sapore trascendentale e religioso nelle quali imprigionarsi ancora di più. L’arcano 16 dei tarocchi di Kier è un “fuoco divoratore” capace di rompere e distruggere la nostra mente lineare così talmente strutturata da richiedere un forte intervento dall’alto. L’arcano 16 è una mano santa che dall’alto distrugge ogni illusione e contraddizione dello psichismo umano: una vera benedizione, direi!!!

Nessun ammonimento è contenuto in questo arcano. Ovviamente solo se si sa cogliere il messaggio. Come tutte le cose che richiamano ad uso volontario della coscienza la cosa richiederà un certo sforzo in avanti di comprensione e di lavoro; gli altri, intimoriti, non potranno che rifugiarsi nella paura di essere investiti da chissà quali nefaste previsioni o maledizioni. L’arcano 16 è l’apocalisse di tutte le “cazzate” che vivono nella nostra testa e soffocano la nostra libertà di agire, è la devastazione di un piano emozionale che suscita solo miseria e non onora il nome che ci siamo dati di “Esseri Umani”.

Un fulmina che lascia attoniti e costringe ad un cambiamento di valori, una chiarezza che arriva come un fulmine a ciel sereno che ci obbliga ad uscire dal trattamento disumano al quale ci siamo tutti condannati. La sua sintesi (16= 1+6=7), infatti, che può avvenire solo con la presa d’atto di questa grande opportunità, è l’arcano 7 ovvero il trionfo. L’arcano 16 è la forza di volontà che si risveglia dal profondo del nostro essere per mettere in fuga le forze sinistre e mettere ordine nella “casa” disordinata per portarci verso la città trionfante (arcano 7). Chi ha orecchie per intendere, intenderà.

Ecco qual’è l’unica cosa di veramente pericoloso. L’unica cosa veramente pericolosa sono le emozioni negative che scaturiscono da questa sbagliata interpretazione della nostra vita e di questo arcano. Abbiamo bisogno di una mente vigile e di una memoria attenta, un secondo tipo di attenzione in grado di incoraggiare e promuovere presenza di modo da vedere l’identificazione con l’altra mente, che come un vero parassita ci debilita e toglie ogni possibilità di vivere.

Un richiamo alla “coscienza” in grado di riportare di frequente ai pensieri ed agli assunti della scuola e di farci ricordare l’opera che stiamo compiendo e, soprattutto, perché la stiamo compiendo: “quando è cominciato tutto?”“quali erano le spinte che mi hanno portato a cominciare?” “cosa cerco?” – “perché esisto?” – queste sono le vere domande che questo arcano dovrebbe suscitare in noi, e non la paura di rimanerne fulminati. La devastazione è per indurci a cercare dove vi è il valore assoluto della nostra anima, solo così potremmo realmente offrire il nostro cuore a qualcun altro.

“Riconoscendo che le emozioni spesso sbagliano con il loro eccessivo entusiasmo e la mia facoltà della ragione, spesso, è carente dei sentimenti necessari per permettermi di combinare la giustizia con la misericordia nei miei giudizi, chiedo alla mia coscienza di guidarmi su ciò che è giusto e sbagliato; non mi permetterò mai di mettere da parte il suo verdetto, non importa quale sarà il prezzo per farlo.”

(Bruce Lee)

Ecco che il messaggio inizia a farsi chiaro e capiamo che, semmai, è l’uso improprio che è stato fatto di questa scienza e certi testi sacri, e che forse sono proprio le religioni quelle che vengono ad essere fulminate. L’Arcano 16 è forse il fulmine su San Pietro di qualche anno fa? Una sottolineatura di come non capendo autenticamente il messaggio Cristico si costruiscano torri od edifici che invece di edificare l’uomo nella sua parte più profonda e sottile, lo vincolano e lo imprigionano in schemi, strutture e credenze vuote, lasciandolo debole e buono solo per essere vessato o per l’auto-commiserazione.

vaticanofulmine

L’arcano 16, di per sé, altro non è che la runa Hagalaz degli antichi norreni che ci porta rinnovamento. Una “tegola tra capo e collo” estremamente potente che può apparire a prima vista come una disgrazia, mentre, non trattandosi di stabilire se è cosa buona o cattiva come siamo abituati a fare, è qualcosa di forte che interviene, non mediato dalla mente, per scuoterci e darci un opportunità di evolvere. Il sacrificio, che di fatto esiste, consiste nel cercare di andare oltre i rimpianti e i dispiaceri.

E’ dirompente perché abbiamo per troppo tempo rimandato lo scontro e, come direbbe Machiavelli, a vantaggio del nostro nemico, e siccome il nemico è nella nostra stessa testa, serve qualcosa che la oltrepassi che arrivi dalle viscere più profonde. Ed ecco che la biologia, la cosa più potente di cui disponiamo, dato che porta con se la forza dell’istinto di sopravvivenza, si eleva e ci investe con tutto la sua forza e voglia di vivere, è forte e dirompente a causa della nostra azione nel comprimere, a causa delle continue rimozioni e rimandi fatti nel tempo in attesa che le cose potessero cambiare da se. Hagalaz non è una scelta volontaria, ma come qualcosa che arriva per legge di natura, quantunque si sia capito di quale “natura” si tratti.

Hagalaz é quel taglio netto e decisivo, è Walnut dei fiori di Bach, lo strumento che ci permette di tagliare la fune con la quale legavamo la barca al molo, il rimedio estremo, l’amara medicina per coloro che hanno deciso di fare un passo in avanti nella vita, infrangendo e superando vecchi limiti, col fine ultimo di imboccare una nuova direzione, e non per questo esente dal dolore, lo stesso dolore che abbiamo rimosso per così tanto tempo e verso il quale è sempre bene inchinarsi con tanto rispetto. Il cambiamento inizia quando impariamo a volerci bene, la tortura di se stessi è un aberrazione prodotta da una mente piegata ai bisogni del sistema.

Hagalaz, come l’arcano 16, sono simboli, un momento critico che ci spinge a crescere, ma “sei tu che devi attraversarla quella soglia, parole tue!“. L’eloquenza e la forza di questa runa e di questo arcano vengono pienamente espresse nel cap. 116 (guarda caso) di Pistis Sophia dove Maria, a proposito del perdono dei peccati, rivela davanti agli apostoli il significato delle parole pronunciate da Gesù in una parabola: «Io sono venuto a gettare fuoco sulla terra» e ancora: «che cosa voglio io se non che bruci?»

«Credete voi ch’io sia venuto a gettare pace sulla terra? No, sono venuto a gettare divisione. Infatti, d’ora in poi cinque saranno in una casa [simbolo della presenza generale di un individuo]: tre saranno divisi contro due, e due contro tre» – ci consegna non solo un Gesù forte, ma un azione necessaria al fine di rendersi liberi (o pneumatici), una coscienza guidata dalla volontà di cambiamento e dal bisogno di rinnovamento e di sorgere a nuova vita. Questo capitolo è ben raffigurato nell’affresco di Michelangelo nella cappella Sistina. L’arcano 16 è il giudizio universale, nessun ammonimento, ma un grande messaggio di speranza e di cambiamento radicale.

E’ in questo che consiste la resurrezione delle anime, in un processo dove il corpo, lo spirito di opposizione (o ego) e l’ora fatale vengono separati, attraverso questo incredibile fuoco che si sprigiona dal profondo regno dell’Amenti, dall’anima e dalla forza contenuta in essa, ecco perchè dice: «tre saranno divisi contro due, e due contro tre». Operando con la coscienza una divisione nei corpi del mondo, simbolo della disidentificazione dalla mente Luciferina, che se ben usata porta la luce (Lux-ferre) e se no, ancora più tenebre tramutando l’incauto avventore nella bestia promessa.

Si legge nell’Apocalisse (XXII, 16) : “Io Gesù, ho mandato il mio angelo a rendervi testimonianza di queste cose per le congregazioni. Io sono la radice e la progenie di Davide, la luminosa stella del mattino” – suggellando inesorabilmente il legame che c’è tra il Cristo ed il Lucifero, tra la coscienza e un uso illuminato dell’intelletto. L'”ora fatale” altro non è che la morte che giorno dopo giorno ci diamo ed imponiamo alla nostra anima ingerendo atomi di inferno ed amarezza senza portarli alla luce della coscienza. Non una data di scadenza, ma un accumulo di dolore e sofferenza involontaria che finiscono per uccidere la vita di una persona ed a volte anche quella di altri che le stanno attorno.

Copyright © 2002-2017 Rocco BRUNO, tutti i diritti riservati | 
I libri: usciredamatrix.com, Info varie ed attività: associazionezion.org, 
Calendario degli incontri!
Sostieni il progetto Zion facendo una donazione: qui!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...